22/08/2018
~2921km

Indigo Girls at Red Butte Garden

Indigo Girls at Red Butte Garden - August 21

Garden Member on sale date - April 23
General Public on sale date - April 30
http://www.redbuttegarden.org/concerts
25/08/2018
~2921km

Shakey Graves / José González & The Brite Lites at Red Butte Garden

Shakey Graves / José González & The Brite Lites at Red Butte Garden Amphitheatre
05/09/2018
~2921km

Gary Clark Jr. at Red Butte Garden

Gary Clark Jr. at Red Butte Garden Amphitheatre
11/09/2018
~2921km

O.A.R. - Just Like Paradise Tour at Red Butte Garden

O.A.R. - Just Like Paradise Tour at Red Butte Garden Amphitheatre
13/09/2018
~2921km

Trombone Shorty's Voodoo Threauxdown at Red Butte Garden

Trombone Shorty's Voodoo Threauxdown at Red Butte Garden Amphitheatre
17/09/2018
~2921km

Rodrigo Y Gabriela at Red Butte Garden

Rodrigo Y Gabriela at Red Butte Garden Amphitheatre
18/09/2018
~2921km

Billy Idol at Red Butte Garden

Billy Idol at Red Butte Garden Amphitheatre
17/08/2018
~6677km

Festival Paradiso Musicale - 4^ Edizione

Da Venerdì 17 a Lunedì 20 Agosto 2018 - dalle ore 17:00
Degioz - Valsavarenche (AO)

4° EDIZIONE DEL FESTIVAL PARADISO MUSICALE 
DAL 17 AL 20 AGOSTO 2018 
A VALSAVARENCHE - AOSTA

Il Festival Paradiso Musicale in questi anni si è svolto in diverse località della Valsavarenche, a cominciare da Degioz presso la Sala Consiglio, per passare a capannone adiacente al Comune,  l'hotel Parco Nazionale,  in itinere nelle vie del centro storico durante la Fiha di -s-Artisan, per estendersi al Bar Lo Forquin e all’Hostellerie Du Paradis di Eaux Rousses. Durante le varie giornate,  contraddistinte sin dalla prima edizione da un successo di pubblico quasi inaspettato, grazie alla numerosa partecipazione sia di villeggianti che di residenti, si sono esibiti diversi artisti di livello nazionale ed internazionale, il tutto a dimostrazione che la qualità e l’espressione artistica non hanno limiti di altitudine. Per l’edizione 2018 del Festival Paradiso Musicale  il progetto si estende ulteriormente,  oltre a comprendere  sempre dei gruppi che si esibiranno in località Degioz il venerdì sera ed il sabato sera, durante il pranzo legato alla Fiha di -s-Artisa, un duo acustico di musica tradizionale itinerante per tutto lo svolgimento della fiera stessa, sia  spaziando verso alter forme d’arte con alcune conferenze- caffè letterari su temi musicali legati ai diritti umani, nonché infine ben due aperitivi musicale di "avvio/benvenuto", il primo presso l'Hostellerie du Paradis in località Eaux Rousse e l’altro ai piedi del Grande Etret a fondovalle, press il rifugio Tetras Lyre.  L’obiettivo della 4aedizione diventa sempre più quello di coinvolgere tutta la valle nella sua estensione, collegando i vari borghi con il denominatore comune della musica, poiché continuiamo a credere che le diverse forme di espressione artistica, pur consapevoli della difficoltà di progetti simili,  possano avvicinare sempre più persone ad un posto come la Valsavarenche che rimane ancora un piccolo gioiello, davvero "angolo di Paradiso", interamente all'interno del Parco Nazionale. Il Festival inizierà il 17 agosto 2018  coinvolgendo alcune realtà di paesi vicini a Dégioz, come l'Hostellerie Du Paradis, che vedrà una prima esibizione musicale il venerdì pomeriggio all'ora dell'aperitivo di Veronica Sbergia e Max De Bernanrdi  in duo, per poi spostarsi nei locali comunali situati nel capoluogo, per una esibizione serale che intraterrà il pubblico con uno spettacolo acustico previsto per le ore 21,30 circa, con l’esibizione di Mora & Bronski. Il sabato 18 agosto 2018 in mattinata, grazie alla presenza di Davide Grandi, presidente della associazione  European Blues Union Blues, potremo offrire al pubblico un caffè letterario- conferenza che vedrà la partecipazione di Veronica Sbergia e Fabio Mora, sul tema della voce e del canto nel Blues e nella musica Leggera, presso l'hotel Parco Nazionale;  nel pomeriggio,  riproporremo il momento affidato ai Tamtando che ci delizieranno con la loro esibizione musicale, coinvolgendo un pubblico eterogeneo che aumenta continuamente ad ogni edizione. La sera si concluderà con lo spettacolo teatrale/concerto dal titolo E Pace In Terra, in località Degioz, un excursus nella storia della prima guerraa mondiale, in particolre un episodio chiamato La Tregua di Natale, accompagnato dalla musica. Domenica 19 agosto 2018 il festival continuerà al fianco degli espositori della Fiha di -s-Artisan: vedremo così la presenza di alcuni  musicisti della tradizione valdostana che, attraverso uno spettacolo itinerante, si sposteranno lungo il percorso della fiera in località Degioz al fine di intrattenere turisti, villeggianti e residenti e condurli alla riscoperta delle ricchezze nascoste nel lavoro manuale degli artigiani espositori. Per i più piccoli la mattina incontro in Biblioteca con Dario Apicella. La manifestazione musicale continuerà all’ora di pranzo con l’esibizione di  Veronica Sbergia e Max De Bernardi in versione semiacustica all’aperto accannto all’aera ristoro, per festeggiare assieme al pubblico intervenuto alla Fiera degli Artigiani, nonchè gli artigiani stessi, la 4a edizione del festival.  In località Pont invece, sempre Domenica mattina, si esibiranno press il rifugio Tetras Lyre, per un aperitivo Musicale, Mora & Bronski, per portare la musica sempre più vicina alle vette del Gran Paradiso. La giornata terminerà il pomeriggio/sera press il capoluogo Degioz  con il concerto della Orchestra Sinfonica Gran Paradiso. La manifestazione musicale terminerà lunedì mattina, sempre all'Hotel Parco Nazionale con una secondo caffè letterario sempre accompagnati da Marino Grandi,  sulle tematiche della musica afroamericana, in particolare affronando il tema dei testi e degli argomenti legati alla musica, accompagnato dalla chitarra di Max De Bernardi. L'iniziativa rimane un'idea della Pro Loco, che si avvale della collaborazione di alcune realtà locali, come l'Abro De La Leuna, il bar Lo Forquin, l'Hotel Parco Nazionale, il B&B Vers Le Bois, L'Hostellerie Du Paradis il rifugio Tetras Lyre, l’Agriturismo Lo Mayen oltre ad una società di eventi, AZ Blues, il Consiglio Regionale della Valle d’Aosta, l’Ufficio Regionale del Turismo nonché dell'Ente Parco Nazionale del Gran Paradiso. La natura delle cime alpine della Valle d’Aosta e del Gran Paradiso continua a trovare nell’arte ed in particolare la musica, la possibilità di elevare non solo il corpo ma anche lo spirito, per un connubio magico che rimarrà impresso a lungo nella memoria dei partecipanti, un’esperienza dal sapore unico da vivere direttamente sul posto.

Info: http://www.comune.valsavarenche.ao.it/it/

03/06/2018
~6725km

Suoni In Movimento - Percorsi Sonori Nella Rete Museale Biellese

Da Domenica 03 Giugno a Domenica 30 Settembre 2018 - dalle ore 16:00
Provincia di Biella

SUONI IN MOVIMENTO – Percorsi sonori nella rete museale biellese.

Concerto inaugurale della rassegna “SUONI IN MOVIMENTO” con “I Violini di Santa Vittoria” a suon di Valzer, Mazurke, Polche, One-step.  
http://www.violinidisantavittoria.com/

DOMENICA 3 giugno 2018
BIELLA – PALAZZO GROMO LOSA
Ore 16.00 visita guidata
Ore 17.00 concerto
“I violini di Santa Vittoria”
Davide Bizzarri - primo violino,
Orfeo Bossini - secondo violino,
Roberto Mattioli - terzo violino,
Ciro Chiapponi - viola,
Fabio Uliano Grasselli – contrabbasso

Il concerto inaugurale della rassegna “Suoni in movimento – Percorsi sonori nella rete museale biellese” avvia il primo dei percorsi previsti dall’itinerario musicale: il Percorso Figurativo  che rivolge la sua attenzione alle sedi museali ove sono presenti immagini sotto molteplici forme che si possono coniugare con i suoni.

Si parte da Palazzo Gromo Losa, sede che si può definire come spazio di elevato pregio di carattere artistico, nel contesto architettonico e paesaggistico di grande suggestione del Borgo storico del Piazzo di Biella. Già prestigiosa dimora signorile, alla fine del XIX secolo Palazzo Gromo Losa fu acquistato dalle Suore Rosminiane che vi fondarono l'Istituto Beata Vergine d'Oropa (BVO). Nel 2004 il complesso è stato acquisito dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella che l'ha interamente restaurato, mantenendone la vocazione culturale e sociale e ospitandovi diversi enti e associazioni. Tra gli elementi di maggior pregio spicca lo splendido giardino all'italiana realizzato dal mecenate biellese Emanuele Rosa, inaugurato con il Palazzo nel 2012.

Fino al 24 giugno presso Palazzo Gromo Losa è possibile visitare la mostra "Selvatica. Arte e natura in Festival". 

L’evento ospita un ensemble rappresentante la memoria musicale, quale simbolo introduttivo dei percorsi nelle sedi museali testimoni della memoria del territorio sotto vari aspetti.

I Violini di Santa Vittoria

I Violini di Santa Vittoria sono un quintetto d'archi di musica popolare reggiana, eredi della tradizione emiliana e in particolare continuatori ideali della tradizione musicale del paese di Gualtieri, unici rappresentanti di questa memoria musicale. Nascono nel 2001, come parte musicale di un più ampio progetto di recupero storico del ballo liscio reggiano. Hanno all’attivo numerose partecipazioni a festival e rassegne come Ravenna Festival, Suoni delle Dolomiti, Anteprima Mito Settembre Musica, Itinerari Folk Festival. Da alcuni anni il gruppo dei Violini di Santa Vittoria fa conoscere al mondo la musica, rivista e aggiornata, del liscio tradizionale vittoriese. Dal 2014 si sono costituiti in associazione con l’obiettivo di riscoprire e far conoscere la tradizione musicale del paese di Santa Vittoria.

All’attivo diverse produzioni discografiche, tra cui L’Osteria del Fojonco, realizzato insieme a Riccardo Tesi e Claudio Carboni, e appunto Denominazione d'Origine Popolare, prodotto con Arci Reggio Emilia nel 2014.

Nel 2015 esce “Denominazione di Origine Popolare. La vera o presunta storia dei Violini di Santa Vittoria”, il film documentario di Nico Guidetti, prodotto da PopCult Bologna in collaborazione con Mediavision e l’associazione musicale I Violini di Santa Vittoria. Il film narra la genesi dell’omonimo spettacolo e la lavorazione del disco. La genesi di questo spettacolo diventa pretesto e occasione per incontrare, anche attraverso gli ultimi testimoni di quella vicenda, questa piccola grande epopea di musica e lavoro.
Qui il trailer: https://violinidisantavittoria.wordpress.com/dop/lo-spettacolo/

La vicenda storica

All’inizio dell’800 Santa Vittoria di Gualtieri (RE) è un paesino di braccianti e la vita è fatta di fatica, fame, malattie. 

In quegli anni si diffondono nelle campagne emiliane nuovi balli di origine popolare: sono il valzer, la mazurca, la polca, musiche che arrivano da lontano e che subito si diffondono innestando le loro melodie, i ritmi, e soprattutto un nuovo modo di fare musica, sul tronco di una cultura arcaica e contadina. 

Nasce il liscio e a Santa Vittoria di Gualtieri (RE) questa nuova tradizione musicale prende la forma di un fenomeno unico nel suo genere. Si suona con gli strumenti ad arco, in piccoli gruppi orchestrali di cinque elementi che prendono vita quasi in ogni famiglia. Presto i braccianti diventano musicisti a tempo pieno: la musica è il volano per la loro emancipazione sociale. Così, tra storia e leggenda, Santa Vittoria diventa il Paese dei 100 violini.

Il programma:

Un Ricordo - Valzer, Amedeo Bagnoli
Care Memorie - Mazurka, Enea Bagnoli
Una Passera - Polka, Arnaldo Bagnoli
Paolo Borciani - Tango, Arnaldo Bagnoli
Lido Po - One Step, Arnaldo Bagnoli
Traviata - Preludio Atto I, Giuseppe Verdi
Non è per tutti - Mazurka, Aristeo Carpi
Benassù - Valzer, Ernesto Clemente De Martino
Tango del Fojonco - Tango, Davide Bizzarri
Valzer in do minore - Valzer, Arnaldo Bagnoli
Arcôrd - Improvvisazione, Fabio Uliano Grasselli
Ricordo - Marcia Funebre, Arnaldo Bagnoli
Ritorno - One Step, Amedeo Bagnoli
Il Novecento - Valzer, Arnaldo Bagnoli
Pantera Polka - Polka, Arnaldo Bagnoli

L’iniziativa ideata e organizzata  dall’Associazione Nuovo Insieme Strumentale Italiano, contiene anche la significativa ideazione di un – Percorso giovani – che persegue l’obiettivo di promuovere giovani interpreti all’interno del circuito concertistico italiano; sono stati quindi introdotti quattro concerti di vincitori della borsa di studio Master dei Talenti Musicali 2016 e 2017 della Fondazione CRT.

La rassegna ha il Patrocinio della Regione Piemonte, il contributo e il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, del Comune di Soprana, dell’ATL di Biella, della Rete Museale Biellese, dell’Hotel Agorà e Augustus, sponsors Serazio&Negro pianoforti, SMC Records di Ivrea.

I concerti saranno ad ingresso gratuito e preceduti da una visita guidata a cura degli operatori della rete museale.

Info presso:
N.I.S.I.ArteMusica cell. 338/7294638 tel.0161/998105
www.suoniinmovimento.it
www.atl.biella.it
Facebook.com/suoniinmovimento
Facebook.com/retemusealebiellese
Facebook.com/biellaturismo

La rassegna prosegue con il Percorso Figurativo e i successivi percorsi così denominati e con il seguente calendario:
Percorso del Lavoro e delle Tradizioni
Percorso Giovani
Percorso Botanico: l’Armonia della natura
Percorso  sacro: la sacralità della musica nei luoghi di preghiera

Domenica 10 giugno
BIELLA - CITTADELLARTE – Fondazione Pistoletto
Ore 16.00 visita guidata
Ore 17.00 “Dal romanticismo tedesco al surrealismo francese: suggestioni tra musica e pittura”
Ilaria Iaquinta soprano
Giacomo Serra  pianoforte
Musiche di Schubert, Rossini, Offenbach, Satie

Domenica 17 giugno
BIELLA - MUSEO DEL TERRITORIO
Ore 16.00 visita guidata
Ore 17.00 “L’amicizia tra Chopin e il celebre pittore Eugene Delacroix”
Pierluigi Camicia pianoforte
Musiche di Chopin

Domenica 24 giugno
COSSATO FRAZIONE CASTELLENGO - ECOMUSEO DEL COSSATESE E DELLE BARAGGE
Ore 16.00 visita guidata all’Ecomuseo del Cossatese e delle Baragge
Ore 17.00 Chiesa dei SS. Pietro e Paolo
“Affreschi sonori”
Giambattista Ciliberti clarinetto
Piero Rotolo pianoforteMusiche di Stamitz, Hoffmeister, Beethoven, Hindemith

DOMENICA 1 luglio
BIELLA – PALAZZO LA MARMORA
Ore 16.00 visita guidata
Ore 17.00 “Il Salotto del Risorgimento”
Ritratti della  Contessa di Castiglione e Cristina Trivulzio di Belgiojoso
Anna Chierichetti soprano e voce narrante
Elena Ballario pianoforte
Musiche di Verdi, Bellini, Arditi, Zanardini

Il  PERCORSO GIOVANI

Domenica 8 luglio
MAGNANO – VILLA FLECCHIA FAI COLLEZIONE ENRICO
Ore 16.00 visita guidata
Ore 17.00 Beatrice Spina, violino – Borsa di Studio Master dei Talenti della Musica CRT 2017
Matteo Spina pianoforte
Musiche di Beethhoven, Grieg, Elgar

Il PERCORSO DEL LAVORO e DELLE TRADIZIONI/PERCORSO GIOVANI

Domenica 15 luglio
SOPRANA – EX MULINO SUSTA
Ore 16.00 visita guidata
Ore 17.00 “Viaggio musicale nella tradizione arpistica italiana, francese e tedesca"
Arianna Rossi arpa – Borsa di studio Master dei Talenti  della Musica CRT dal 2012 al 2016
Musiche di Haendel, Scarlatti, Godefroid, Spohr

Domenica 22 luglio
PRAY – FABBRICA DELLA RUOTA
Ore 16 visita guidata
Ore 17.00 Quadrivium - Quartetto di Fagotti
Leonardo Dosso, Luca Barchi
Mario Garavelli, Carlo Golinelli
Musiche di Corrette, Vivaldi,  Bach,  Rossini, Verdi, Dvorak

Domenica 29 luglio
SORDEVOLO – ECOMUSEO DELLA TRADIZIONE COSTRUTTIVA – LA TRAPPA
Ore 15.00 “Dalla tradizione della Guardia Vieja al Tango Nuevo di Piazzolla e Bacalov”
Duo Giampaolo Bandini chitarra
Cesare Chiacchiaretta bandoneon
Tangos de la Guardia Vieja
Musiche di Gardel, Piazzolla, Bacalov
Ore 16.00 visita guidata

Il PERCORSO BOTANICO/PERCORSO GIOVANI

Domenica 19 agosto
RISERVA NATURALE PARCO BURCINA “FELICE PIACENZA” – CASCINA EMILIA
Ore 15.30 visita guidata con ritrovo presso la Cascina Emilia
Ore 17.00 Arianna Luzzani violino – Borsa di studio Master dei Talenti della Musica CRT 2016
Enea Luzzani flauto
Gabriele Luzzani violoncello
Musiche di Debussy, Haydn, Bach, Ysaie, Saint-Saens

PERCORSO GIOVANI

Domenica 26 agosto
PETTINENGO – MUSEO DEGLI ACQUASANTINI
Ore 16.00 visita guidata
Ore 17.00 Duo Modigliani
Ferdinando Trematore violino -  Vincitore dalla Borsa di Studio Master dei Talenti CRT della Musica - categoria B Violino 2017
Umberto Maisto chitarra
Musiche di Carulli, Giuliani, Paganini, Trematore, Gluck, Debussy

Domenica 2 settembre
OROPA SANTUARIO – GIARDINO BOTANICO DI OROPA OASI WWF
Ore 15.30 visita guidata ritrovo presso il Giardino Botanico
Ore 17.00 Sala Convegni
QUARTETTO SE.GO.VI.O.
Salvatore Seminara chitarra Stefano Gori flauto
Paolo Vignani fisarmonica Gabriele Oglina clarinetto
Musiche di Marquez, Rota, Piazzolla

Domenica 9 settembre
VIVERONE – MUSEO DELLE PALAFITTE
Ore 15.30 visita guidata presso Palazzo municipale
Ore 17.00 Chiesa di San Rocco
“Natura e visioni”
Chiara Nicora, Ferdinando Baroffio pianoforte a 4 mani
Musiche di Schumann, Brahms
Ore 18.00 gita in battello e visita sito archeologico

Il PERCORSO SACRO: LA SACRALITÀ DELLA MUSICA NEI LUOGHI DI PREGHIERA

Domenica 16 settembre
SORDEVOLO – MUSEO DELLA PASSIONE – CHIESA DI SANTA MARTA
Ore 16.00 visita guidata
Ore 17.00
Franco Mezzena violino
Claudio Piastra chitarra
Sergio Patria violoncello
Musiche di Vivaldi, Bach, Boccherini, Paganini                                                                                                                                                   

Domenica 23 settembre
CAMPIGLIA CERVO - SANTUARIO DI SAN GIOVANNI D’ANDORNO
Ore 16.00 visita guidata
Ore 17.00 “La voce del violoncello: espressione e sacralità”
Karel Bredenhorst violoncello
Simon Callaghan pianoforte
Musiche di Kodaly, Beethoven e Mendelssohn

Domenica 30 settembre
CASTELLETTO CERVO – MONASTERO CLUNIACENSE
Ore 16.00 visita guidata
Ore 17.00 “L’epoca d’oro del Barocco”
Ensemble Baroque Carlo Antonio Marino
Concerti e Sonate per archi e basso continuo
Musiche di Vivaldi, Locatelli, Marinio, Albinoni

25/08/2018
~6735km

Todays Festival - 4^ Edizione

Sabato 25 Agosto 2018 - dalle ore 19:00
Spazio211 - Parco Sempione - Via Cigna, 211 - Torino (TO)

Città di Torino e TODAYS Festival
sono orgogliosi di presentare

MY BLOODY VALENTINE

DOPO GLI ANNUNCI DEGLI UNICI CONCERTI ITALIANI DI THE WAR ON DRUGS E KING GIZZARD AND THE LIZARD WIZARD, TODAYS AGGIUNGE NUOVA LEGNA DA ARDERE ALLA SUA RICCA BRACE CON L'ANNUNCIO DELL'UNICA ED ESCLUSIVA TAPPA NEL NOSTRO PAESE DELLA LEGGENDARIA BAND ANGLO-IRLANDESE MY BLOODY VALENTINE.

GUIDATI DAL CHITARRISTA KEVIN SHIELDS, I MY BLOODY VALENTINE SONO CONSIDERATI UNA DELLE BAND PIÙ IMPORTANTI DEGLI ANNI NOVANTA: ARTE ASTRATTA, UNA DIMENSIONE PARALLELA, UN SOGNO AD OCCHI APERTI. A 30 ANNI DALL'USCITA DEL CAPOLAVORO “LOVELESS”, IL GRUPPO, RIFERIMENTO INELUDIBILE NELLA STORIA DELL’ALTERNATIVE ROCK, SARÀ A TORINO SUL PALCO DI TODAYS SABATO 25 AGOSTO. ED E' GIA' STORIA.

SABATO 25 AGOSTO 2018

INGRESSO: EURO 25 + d.p.
UNICA DATA ITALIANA

+ altri artisti da annunciare

Prevendite attive: www.ticketone.it

TODAYS. Il festival
sPAZIO211 open air
Parco Sempione, Via Cigna 211 – Torino (It)
apertura porte: ore 18:00 / inizio concerti: ore 19

biglietto singola giornata (con accesso a sPAZIO211): 25 eu + d.p.
abbonamento 3 giorni (24, 25 e 26 agosto con accesso a tutti i concerti): 80 eu + d.p.
Informazioni e prevendite biglietti singoli ed abbonamenti:
Ticketone – www.ticketone.it – ph: 892 101
e presso tutti i punti vendita autorizzati

VENERDI 24 AGOSTO:
THE WAR ON DRUGS – KING GIZZARD AND THE LIZARD WIZARD – more t.b.a.

SABATO 25 AGOSTO:
MY BLOODY VALENTINE – more t.b.a.

I MY BLOODY VALENTINE sono considerati una delle band più importanti dei primi anni novanta, nonché fondatori del genere shoegaze.
La storia dei MY BLOODY VALENTINE comincia nei primi anni 80 in Irlanda, in piena cultura batcave, all'insegna di lugubri scenari dark-punk: è a Dublino che Kevin Shileds e l'amico batterista Colm O'Ciosoig si mettono in luce con il nome di Complex. Quindi, i due si trasferiscono a Berlino dove, nel1984, ingaggiano il cantante Dave Conway e la tastierista Tina, pubblicando per la tedesca Tycoon “This Is Your Bloody Valentine”, mini album col nuovo nome della band (ispirato da vecchio film horror): un disco cupo e furioso, nello stile di Birthday Party e Stooges in cui il loro retroterra "gotico" riecheggia in brani di rock'n'roll trascinante, in bilico tra Cramps e Doors.

Un anno dopo i MY BLOODY VALENTINE sono di nuovo a Londra con una nuova formazione (fuori Tina, dentro la bassista Debbie Googe) e un nuovo Ep “Geek” (ancora influenzato dal gotico, con brani alla Nick Cave). È allora che Joe Foster della Kaleidoscope li ingaggia per una serie di mini-cd: il primo, il 12 pollici “The New Record By My Bloody Valentine”, comincia a mettere a fuoco il progetto musicale di Shields e soci, un incrocio di umori psichedelici e chitarre fuzz.

Trascorrono pochi mesi e un altro Ep, prima del nuovo e definitivo cambio di formazione: fuori il cantante Dave Conway, destinato alla carriera di scrittore di fantascienza, e dentro l'affascinante chitarrista e vocalist Bilinda Butcher.
Con questo assetto la band pubblica prima l'interlocutorio “Strawberry Wine”, quindi l'Ep della consacrazione “Ecstasy”, uscito nel 1987 per la Lazy Records in tremila copie, tutte sparite in un paio di settimane. Il disco viene definito dalla critica "un incrocio tra i Velvet Underground e i Cocteau Twins", ma il riferimento principale è il punk-pop sinistro e distorto dei Jesus And Mary Chain, mitigato da una vena psichedelica presa in prestito dall'acid-rock dei 60 e da uno spiccato gusto per l'etereo.

Preceduto dal deflagrante singolo "You Made Me Realise", la band firma con la Creation Records e alla fine del 1988 arriva “Isn't Anything”, primo vero album per la band di Shields, di cui quest'anno ricorre il trentennale.
Giocando sulla resa ipnotica delle distorsioni e sulle "glide guitar" (un'esasperazione dell'effetto di tremolo), i MY BLOODY VALENTINE disegnano un intenso itinerario di stordimento, estasi e tormento, dolcezza e aggressività. Un travolgimento emotivo segnato dal contrasto fra l'impalpabile e sofferta voce di Bilinda e il muro di chitarre impastate di suono di Shields che delineano in modo chiaro lo scopo del loro progetto musicale: raggiungere una sorta di "nirvana acido" attraverso sonorità sfumate, ronzii eterei, vortici di dissonanze.

Grazie soprattutto a questo disco i MY BLOODY VALENTINE diventano un "caso internazionale", cominciando a esercitare una notevole influenza sulla scena indie-rock britannica e gettando le basi per la nuova generazione "dream-pop".

Seguono altri due Ep (il languido Glider e il più manieristico Tremolo), che precedono l'uscita di quel “Loveless” destinato a essere ricordato come il capolavoro della band di Shields, e considerato unanimamente la pietra miliare del rock anni novanta.
Un macigno di suoni caotici, stratificati e sovrapposti, che non concede pause, che trascina in un viaggio che è insieme infernale e celestiale. Il tutto orchestrato dal luminoso e folle genio di Kevin Shields, che ha scritto, arrangiato e prodotto l'album, ed è sempre lui che, facendo largo uso di campionamenti e manipolazioni di ogni genere, è riuscito a deformare la musica fino a renderla un unico, compatto, muro di suoni stranianti e martellanti, toccando spesso e volentieri la pura avanguardia.

La voce della Butcher dolce e distante come quella di un angelo (o di un diavolo tentatore?) incontra il rumore più aggressivo delle chitarre di Shields che diventa estasi paradisiaca, e realizza quel tentativo inedito e probabilmente ineguagliabile di noise "da camera" dove tutto si fonde alla perfezione, con una naturalezza sconcertante, ennesima dimostrazione di come il genio dei MY BLOODY VALENTINE sia tutto nella loro abilità davvero unica a rendere omogeneo ciò che apparentemente sembra inaccostabile.

Dato alle stampe questo capolavoro, i MY BLOODY VALENTINE si perderanno in una fase di indecisioni e dissapori, che provocherà le defezioni prima di Googe (che andrà a formare gli Snowpony) e poi diO'Ciosoig. Le registrazioni della band si fecero sempre meno frequenti, lasciando Shields, autore di tutta la musica dei MY BLOODY VALENTINE, solo a lavorare in studio, anche se non venne mai ufficializzato lo scioglimento.

Shields collaborerà poi con Experimental Audio Research e Primal Scream, Dinosaur Jr. Yo La Tengo e Brian Eno. Collabora inoltre a diverse colonne sonore per la regista Sofia Coppola e all’album di letture The Coral Sea di Patti Smith.
Con Bilinda Butcher, finita chissà dove, manterrà una fragile amicizia, dopo una tormentata relazione sentimentale conclusa nel 1994.

La parabola dei MY BLOODY VALENTINE durò praticamente lo spazio di due straordinari album, “Isn't Anything” e “Loveless”. In questi due lavori è racchiusa tutta l'enorme portata innovativa della loro opera, una vera e propria rivoluzione che avrebbe segnato molto del rock a venire: quello realizzato da Shields e compagni è un ibrido pressoché inconcepibile, eppure grazie a loro diventato realtà, tra le armonie stravolte dal rumore dei Velvet Underground e quelle fragili e sognanti dei Cocteau Twins; i My Bloody Valentine erano garage-rock e acid-rock, erano la psichedelia più lisergica e il dark-punk più oscuro, erano una pop-band di stampo beatlesiano travestita da noise-band "radicale", e viceversa. Erano tutto e il contrario di tutto. I MY BLOODY VALENTINE sono tutto ciò!

Dopo anni di annunci e smentite, a 22 anni di distanza da “Loveless”, finalmente la mattina didomenica 3 febbraio 2013 vengono diffuse via web le nove tracce del grande ritorno della band: M B V.Ed è subito un diluvio di elettricità, una pioggia di synth, le voci che restano sommerse dal magma musicale, insomma tutto ciò che costituisce il marchio di fabbrica della band: una ritmica poderosa, architetture sonore stratificate, voci che non si capisce se procedano normalmente o al contrario, in cinque minuti e spicci densi di tanta roba, che già da soli giustificano tutta l’attenzione del mondo su questo lavoro.

A 30 anni da “Loveless” I MY BLOODY VALENTINE hanno annunciato i loro primi concerti dopo anni: la band di Kevin Shields suonerà quest'estate in Giappone al festival Sonicmania con Nine Inch Nails eMarshmello, suonerà a Roskilde e al Meltdown curato da Robert Smiths dei The Cure...e in DATA UNICA ITALIANA saranno a TODAYS a Torino, sabato 25 agosto.
Lo scorso mese di dicembre Kevin Shields a parlato del nuovo album al quale la band irlandese sarebbe al lavoro, dopo l’ultimo “m b v” di quattro anni fa e che potrebbe uscire proprio quest'anno!
Shields dichiara che “paragonato a m b v, quest'album sarà come se qualcuno lo prendesse e calasse dell’acido su di esso o creasse uno scontro dimensionale o qualcosa del genere. È dappertutto”. Il chitarrista ha detto a Rolling Stone che il gruppo ha intenzione di suonare live prima dell'uscita del nuovo disco: “Aiuta a fare l’album; aiuta a realizzarlo”, perciò TODAYS sarà l'unica occasione italiana per assistere a questo evento storico.

Partendo dal dark-punk e dal noise-pop, gli irlandesi MY BLOODY VALENTINE sono approdati a una singolare commistione tra acid-rock psichedelico e atmosfere eteree, che passerà alla storia sotto il nome "shoegazing". Un macigno di suoni caotici, stratificati e sovrapposti, che non concede pause, che trascina in un viaggio che è insieme infernale e celestiale. I MY BLOODY VALENTINE hanno ancora molto da dire!

"Siamo partiti col piede sbagliato e non siamo mai passati a quello giusto!"

Kevin Shields 1991

www.mybloodyvalentine.org
www.facebook.com/mybloodyvalentine
twitter.com/theofficialmbv

Guarda il video di “Only Shallow”: https://youtu.be/FyYMzEplnfU
Guarda il video di “When You Sleep”: https://youtu.be/l9-NOIalUYU

Carica Eventi Gratis Carica Luoghi Gratis