~2921km

Red Butte Garden

Red Butte Garden is a museum for plants, cultivating connection with living landscapes through plant displays and collections, education, conservation, and cultural enrichment.
~6735km

Pala Alpitour


~6814km

Stadio Giuseppe Meazza San Siro

Lo stadio Giuseppe Meazza (conosciuto anche come stadio San Siro) è uno stadio calcistico di Milano e il più capiente d'Italia con 81 277 posti complessivi (di cui 80 018 distribuiti nei tre anelli), nonché uno degli impianti calcistici più famosi e prestigiosi del mondo, tanto da essere stato soprannominato "La Scala del Calcio".L'impianto ospita gli incontri interni di Milan e Inter.

Fino al 1980 veniva chiamato stadio San Siro, dal nome del quartiere in cui sorge. Destinato prevalentemente al calcio, fin dagli anni settanta ospita anche concerti di grande richiamo internazionale; ha più volte ospitato incontri della Nazionale Italiana di rugby, l'ultima delle quali nel 2009 contro la Nuova Zelanda, facendo registrare la massima affluenza in Italia per un incontro di tale disciplina.

Storia
La costruzione dell'impianto iniziò nel dicembre 1925 grazie al sostegno di Piero Pirelli (all'epoca presidente del Milan); lo stadio fu ufficialmente inaugurato il 19 settembre 1926 con la partita amichevole tra Inter e Milan. Lo stadio era di proprietà del Milan e vi giocavano solamente i rossoneri. L'Inter disputava le sue partite all'Arena Civica, palcoscenico più aristocratico, e iniziò a giocare a San Siro a partire dal 1947, quando l'impianto era già diventato proprietà del Comune di Milano, che lo acquisì dal Milan nel 1935. Il 2 marzo 1980 lo stadio fu intitolato a Giuseppe Meazza (1910-1979), storico calciatore sia dell'Inter che del Milan[3] e campione del mondo con la Nazionale nel 1934 e nel 1938. In occasione del mondiale 1990, disputatosi in Italia, lo stadio venne profondamente rinnovato con la costruzione del terzo anello e della copertura.

Nell'agosto 2009 è stato inserito al secondo posto nella classifica del Times sugli stadi più belli al mondo. Lo stadio ha ospitato anche due incontri internazionali della Nazionale italiana di rugby: nel 1988 contro la Romania (valida per la Coppa FIRA) e il 14 novembre 2009 contro gli All Blacks neozelandesi; il test match, terminato 20-6 per gli ospiti, ha fatto registrare un'affluenza di più di 80 000 spettatori, record italiano per un incontro di rugby. Nel novembre 2010 il Comune e le due società utilizzatrici dell'impianto, Milan e Inter, hanno modificato gli accordi sull'affitto dell'impianto per favorire i lavori di ammodernamento dello stesso per farlo rientrare nella Categoria 4 UEFA. L'impianto meneghino si appresta a ospitare numerosi eventi sportivi e non a livello internazionale, come per esempio la finale di UEFA Champions League 2016.

Cronologia
La prima versione dello stadio prevedeva 4 tribune non collegate tra loro con una capienza totale di 35 000 persone. Il progetto degli ingegneri Alberto Cugini e Ulisse Stacchini comportò una spesa in lire pari a circa 1,8 milioni di euro.

1925: iniziano i lavori di costruzione dello stadio.
1926: San Siro viene inaugurato con un derby amichevole fra Milan e Inter, concluso sul punteggio di 3-6. Il primo giocatore a segnare nel nuovo stadio è il milanista Giuseppe Santagostino.
1935: lo stadio viene acquistato dal Comune che tre anni dopo inizia i lavori di ampliamento progettati da Giuseppe Bertera e dall'architetto Perlasca. I lavori si concludono nel 1939 e lo stadio presenta a quel punto la forma di un catino, in cui le tribune sono continue e uniformi sui 4 lati. La capienza ufficiale sale a 55 000 posti.
1955: viene completata la costruzione del secondo anello, su progetto degli architetti Armando Ronca e Ferruccio Calzolari. La capienza arriva inizialmente a 90 000 spettatori, successivamente ridotti a 85 000 (nel 1962).
1958: Durante la partita di Serie A Milan-Fiorentina del 30 novembre 1958, muore schiacciato tra la folla Giordano Guarisco, un ragazzo di 17 anni.
1967: viene inaugurato il primo tabellone elettronico.
1979: viene ristrutturato il 2º anello, costruito nel 1955, e completamente sostituito l'impianto di illuminazione.
1980: il 2 marzo lo stadio viene intitolato a Giuseppe Meazza, ex calciatore di Inter e Milan scomparso l'anno precedente.
1986: si procede al posizionamento dei seggiolini in tutto il primo anello; questo riduce la capienza di San Siro a circa 76 400 posti.
1990: in occasione dei Mondiali di calcio, viene inaugurato il terzo anello che sovrasta le due curve e la tribuna centrale (non è presente nella tribuna est) e si completa il posizionamento dei seggiolini di plastica per tutti i settori. La capienza di San Siro è ora di 85 700 posti, tutti al coperto e tutti a sedere. Il progetto della ristrutturazione è dell'architetto Giancarlo Ragazzi della società Edilnord.
1996: viene inaugurato, all'interno dello stadio, il museo San Siro sul calcio.
2002: vengono costruiti i primi 50 Sky Box (mini appartamenti dotati di televisione e servizio ristorante).
2006: viene spostato il boccaporto dal quale entrano in campo i giocatori; dalla parte Nord-Ovest dello stadio passa sotto la tribuna centrale.
2008: vengono sostituiti tutti i seggiolini con nuovi modelli. La capienza ufficiale scende a 82 995 posti.
2009: dopo quasi vent'anni, vengono rimosse le reti dietro alle due porte.
2012: ammodernamento dell'impianto, per rientrare nella Categoria 4 UEFA, e sostituzione del manto erboso in erba sintetica mista. La capienza è di 81 277 posti.

Dati tecnici

Capienza e suddivisione dei posti dichiarate:
Primo anello: 28 107
Secondo anello: 32 366
Terzo anello: 19 545
Capienza anelli: 80 018
Sky Box: 300
Tribuna d'onore: 304
Posti stampa: 223
Postazioni per disabili: 244 (più 188 accompagnatori)
Capienza complessiva: 81 277
Sicurezza: numerazione di tutti i posti, individuazione cromatica dei settori, accessi indipendenti, chiara segnaletica, tornelli all'entrata.
Comfort: installazione di sedili per tutti i posti, servizi igienici.
Campo di gioco: 105 m × 68 m.
Struttura: quattro torri d'angolo e sette torri intermedie sostengono quattro travi a cassone in c.a.p. che reggono a loro volta le gradinate.

Ammodernamento

Nel quadriennio 2011-2015 l'impianto ha subito alcuni lavori di ammodernamento:[14]

Opere e interventi di riqualificazione funzionale:

risanamento della copertura
risanamento dell'intradosso e del controsoffitto del secondo anello
risanamento delle rampe d'accesso al secondo anello
realizzazione di una nuova segnaletica interna
apertura di un nuovo centro di controllo
rifacimento del fondo del campo da gioco, con posa di un sottofondo di sabbia, terra e ghiaia di 15 cm dove far passare gli impianti di irrigazione e riscaldamento, con sovrapposti 0,3 cm di primario, 1 cm di sabbia drenante, 5 cm di erba sintetica mischiata a quella naturale e altri 2 cm di ciuffi d'erba naturale
rifacimento dei servizi igienici dei 3 anelli
sistemazione dell'area esterna allo stadio (ex palazzetto dello sport)
montaggio degli apparati Goal Line Technology per la prevenzione dei gol fantasma
Innovazione:

realizzazione 6 sky lounge nel 1º anello del settore rosso (3 per curva)
realizzazione 6 sky lounge nel 1º anello del settore arancio (3 per curva)
apertura di sala executive nella sottotribuna del primo anello arancio
installazione di nuove poltrone riscaldate e dotate di monitor in tribuna d'onore, nei settori rosso e arancio, negli sky box e sui palchi
ampliamento del museo, apertura di un nuovo store e di un'area ristorazione da 3 500 m² nel semicerchio del settore blu.
sostituzione del manto erboso con un tappeto in erba mista di fibre naturale e sintetiche
~6818km

Parco di Monza

Il Parco di Monza, esteso quasi 700 ettari, costituisce uno tra i maggiori parchi storici europei ed il maggiore tra quelli cintati da mura.
Al suo interno hanno sede numerosi servizi e strutture.
Dal noleggio delle bici alle visite in carrozza, luoghi per mangiare e per fare sport, oltre all'Autodromo e ad un Golf club.




~6818km

Autodromo Nazionale Monza

Twitter: @Autodromo_Monza
Instagram: autodromonazionale_monza
~6819km

CarroPonte

Nel cuore del Parco Archeologico Industriale di Sesto San Giovanni, a due passi da Milano e dalla linea metropolitana Sesto Marelli, sorge il Carroponte, un gioiello di architettura industriale, parte integrante del Museo dell'Industria e del Lavoro (MIL), che il Comune di Sesto San Giovanni ha restituito alla cittadinanza nell'ambito di uno dei più significativi pogetti di riqualifica architettonica e sociale degli ultimi anni.Un luogo unico per atmosfera e valore storico, il più grande polo ex industriale di Milano che, grazie alla propria conformazione e alla collocazione facilmente raggiungibile, si presta ottimamente ad ospitare appuntamenti di grande richiamo e contemporaneamente mantenere inalterata la quiete dei cittadini.
Una grande occasione per far riscoprire alla cittadinanza un monumento architettonico e per diffondere cultura a prezzi accessibili e nel rispetto dell'ambiente, come da sempre nella tradizione degli appuntamenti ARCI.

~6820km

Mediolanum Forum

Il Forum di Assago, oggi Mediolanum Forum, nasce nel 1990: il suo progetto, particolarmente innovativo, vale il Premio Europeo di Architettura per Impianti Sportivi 1994, attribuito dal CONI e dal Council of Europe.

450.000 metri cubi di volume, una superficie coperta di oltre 40.000 metri quadri, un’arena centrale capace di ospitare fino a 12.700 spettatori e uno sviluppo su tre livelli di quota, più un’area vip con palchi, denominati rispettivamente SkyPoint e SkyBox: sono numeri che danno immediatamente l’idea di come il Mediolanum Forum sia una delle principali strutture polivalenti in Europa: gestito dal Gruppo ForumNet, rappresenta infatti l’Italia nella prestigiosa European Arenas Association, di cui è socio fondatore.

Nei primi anni della sua storia, il Forum di Assago si caratterizza immediatamente come palazzo dello sport: dedicato innanzitutto all’hockey e al basket (di cui ospita le squadre milanesi protagoniste dei rispettivi sport), già dall’inaugurazione mostra tutta la sua versatilità ed apre con un memorabile galà di pattinaggio sul ghiaccio. Negli stessi anni, accoglie ripetutamente il torneo tennistico internazionale indoor di Milano e, nei successivi, riesce a declinarsi per ospitare le più diverse discipline su svariate superfici, con competizioni a livello europeo e mondiale.

All’interno del Mediolanum Forum, l’AreaMultisport, una grande area indoor aperta al pubblico e dedicata al fitness, allo squash, agli sport su ghiaccio (la scuola di pattinaggio su ghiaccio del Forum è la più importante d’Italia con oltre 24 anni di storia), acquatici e al bowling; è di giugno 2011, inoltre, l’inaugurazione del Beach Forum, una piscina scoperta da 50 metri di lunghezza, immersa in oltre 10.000 metri quadrati di verde.

Già dai primissimi anni di attività la struttura è stata identificata anche come tempio della musica nazionale e internazionale: il “Forum” è tappa italiana obbligata, e spesso unica, per i tour dei più grandi artisti al mondo. Il concerto di Frank Sinatra, nel 1991, fu definito epocale, e da allora si sono susseguiti decine di nomi che non hanno bisogno di presentazione, dagli U2 a Madonna passando per Vasco Rossi.

E se cantare al Mediolanum Forum è un punto d’arrivo, la struttura è attenta anche agli artisti emergenti: dal 2009, Live Forum, locale al suo interno dedicato alla musica dal vivo, propone un cartellone trasversale e di grande interesse.

Nel corso degli anni, il Mediolanum Forum ha offerto al suo pubblico anche grandi eventi all’aperto (fra tutti, il Festival Latinoamericando) e tanto spettacolo, dedicato in particolar modo alla famiglia (Cirque du Soleil, David Copperfield, gli show targati Disney, Walking with Dynosaurs).

Infine, la metropolitana. Già presente nella visione del suo fondatore, Giuseppe Cabassi, è oggi realtà: il Mediolanum Forum è servito dalla linea verde della metro, che lo proietta a sole sette fermate dal centro e sempre più vicino al cuore dei Milanesi.
~6853km

Stadium Genova

Inaugurato nell'ottobre del 2003, il 105 Stadium rappresenta un eccellente esempio di riconversione di una struttura industriale in spazio per eventi sportivi e spettacolari.
Punto di forza della struttura è la modularità: lo spazio principale, un’area di 1.800 mq, è stato progettato per consentire massima libertà di allestimento, con ottime condizioni di visibilità e di resa scenografica.
Ulteriori 1600 mq (corridoi e spazi adiacenti all’arena, foyer, sala stampa, front office, area esterna) sono a disposizione degli organizzatori per presentazioni, eventi collaterali ed exibition area.
Sempre all’interno della struttura originaria è stato progettato un secondo corpo dell’edificio dedicato al fitness. Oltre 10.000 mq suddivisi su tre piani ospitano il Centro Virgin Active.
La struttura è in grado di contenere fino a 5.000 persone.
Nei suoi 11 anni di attività e grazie al know how acquisito nella gestione di grandi eventi, il 105 Stadium progetta, sviluppa e gestisce manifestazioni di ogni genere, dalle convention alle esposizioni fieristiche, dallo sport alla musica, dalla cultura agli eventi speciali, traducendo così le strategie aziendali dei clienti in eventi.

~6906km

Anfiteatro del Vittoriale

Un anfiteatro tra i più belli d'Italia, quindi del mondo, al Vittoriale degli Italiani sul Lago di Garda. Grandi artisti internazionali da "Tener-a-mente".
~6912km

Zoo Camping - Arco

We closed our 40th season on the 15th November, and we will be delighted to host you soon again starting from February 2017
Carica Eventi Gratis Carica Luoghi Gratis